lunedì 3 aprile 2017

Gennaio 2017 - Pro o contro il mondo globalizzato?



Gennaio 2017 - Pro o contro il mondo globalizzato?
Una grande opportunità per i monarchici italiani tra le fila del campo "giusto"

Desidero aprire questo nuovo anno con una riflessione sulla situazione politica e sociale che sta attraversando l’Italia e mondo occidentale. Il 2016, è stato sotto molti punti di vista uno degli anni più critici degli ultimi vent’anni, principalmente per il perdurare della crisi economica e l’acutizzarsi della situazione relativa all’immigrazione clandestina. Fuori dal nostro Paese, lo stesso anno ha visto il progressivo deterioramento della situazione geopolitica dovuto in massima parte ancora, al tentativo statunitense di proporsi sulla scena internazionale quale potenza egemone. Allo stesso modo, occorre ricordare alcuni importanti fatti, che hanno visto il successo di compagini politiche ed economiche avversate dai poteri forti mondiali. Ci riferiamo chiaramente alla Brexit e all’elezione di Donald Trump alla presidenza degli stati Uniti d’America…


Sul terreno nazionale, il referendum confermativo sulla de-forma istituzionale Renzi Boschi Verdini, ha consumato in un colpo solo le residuali speranze del Premier Renzi di continuare a gabbare gli italiani con promesse da marinaio in favore degli interessi europei. Si potrà dire, come alcuni avevano previsto alla vigilia, che non è cambiato nulla, che si tratta di una vittoria di Pirro, confermato dal nuovo governo Gentiloni  (definito un Renzi bis) ma non è così. Almeno questa è la mia opinione
Credo al contrario che il risultato del referendum, oltre al valore in se del significato politico che gli abbiamo attribuito, abbia certificato in modo inequivocabile, che il sistema basato sulla dualità “destra e sinistra” è terminato, finito!
Ciò si legge nell’analisi del risultato. Nel 40% di Si, non troviamo esclusivamente l’elettorato storico del PD, così come nel risultato sorprendente del No, non troviamo solo chi bramava strappare alla sinistra (in senso lato) il potere. Come tra i favorevoli  si possono annoverare molti elettori di centro destra, pentastellati e radicali, tra i contrari, ancor meglio, troviamo elettori che vanno da Casa Pound di estrema destra ai Comunisti di Rizzo! E ciò non è solo sorprendente e quasi incredibile.
Quanto è successo quindi  è estremamente positivo, e foriero di un cambiamento radicale e utile a risollevare le sorti della nostra Patria.
Al vecchio "fronte" destra-sinistra, abbiamo sostituito il nuovo "fronte" di scontro basato su chi è pro o contro la globalizzazione. Abbiamo cioè maturato una consapevolezza che ci ha portati a ridistribuirci trasversalmente ai partiti tradizionali, pro o contro il bisogno di sovranità nazionale, pro o contro la cultura e la civiltà della nostra storia svenduta al nulla del multiculturalismo, il pro o contro la dignità del lavoro e delle persone svendute alla competitività ad ogni costo dei mercati aperti.
Questo è il “nuovo” che esce dall'Italia nel 2016 appena concluso.
A confortarmi su questa analisi, è il fattore anagrafico. Il fronte schierato contro la globalizzazione, contro l’annichilimento della cultura e del lavoro in favore dei mercati e in favore di poteri sovrannazionali vede molti più giovani di quanto ci si potesse aspettare, segno evidente che l’informazione neutra e completa che si può trovare in rete, indipendentemente dai mas media convenzionali di regime, ha svolto uno dei suoi principali compiti: quello di garante della democrazia.
Italia Reale in questo nuovo panorama, può certamente continuare a battersi per il ritorno della Monarchia in Italia, solo se saprà attualizzare la propria azione politica all’interno del fronte volto a recuperare la totalità della sovranità nazionale. Se un tempo era possibile avere una Monarchie e contemporaneamente governi socialisti o social democratici (si guardi alla Svezia)oggi deve essere chiaro che ciò non è più possibile. La globalizzazione si pone in antitesi con le normali istituzioni democratiche, siano esse monarchiche o repubblicane!  Credere di poter instaurare una nuova Monarchia senza prima aver liberato il campo dai negativi effetti della globalizzazione è quindi utopia.
Il nostro continuo impegno in favore della Monarchia insomma, può trarre nuova linfa proprio da questa nuova situazione, che dopo decine d'anni di immobilismo politico "destra-sinistra" ci pone culturalmente alla pari di altri partiti e movimenti politici, alla ricerca della perduta libertà e dignità dei popoli.

Alberto Conterio - 14.01.2017

domenica 26 aprile 2015

Emergenza immigrazione



Emergenza immigrazione
La soluzione era politica e potrà solo essere politica

Negare che l'argomento principale trattato dai medie italiani nelle ultime settimane sia il "problema immigrazione" non sarebbe corretto e credibile. E' però il caso di separare le emozioni dalla ragione per mettere in luce, le vere cause di questo fenomeno. Esercizio difficile questo, soprattutto quando l'informazione di regime alla quale siamo ormai assuefatti, ci costringe a immagini strappalacrime.
Solo quelle naturalmente. Così, dopo l'immane tragedia di metà aprile, dove hanno perso la vita oltre 700 persone in un solo sciagurato incidente, la diatriba tra chi si oppone all’invasione e coloro che, sognano l'opportunità di creare una nuova società multiculturale appare demodé. 


Come se non bastasse, il tempo per poter operare a prevenzione su un fenomeno che, a partire dagli anni ’80 del secolo passato, poteva essere senza ombra di dubbio, ampiamente previsto, è stato perso, anzi sprecato! Stucchevole quindi il confronto tra i due “pensieri” già citati!
Purtroppo c’è anche di peggio, perché quando “si tocca il fondo” con questa violenza, l’emergenza venutasi a creare, fa si che vengano prese decisioni o architettate soluzioni affrettate che definirei bonariamente inutili, che non diventare pesante e irriguardoso.
Al riguardo, sentir parlare di risoluzioni ONU per bombardare e affondare prima della oro partenza i barconi utilizzati per questi viaggi con l’impiego di “droni armati” (aeromobili senza pilota telecomandati), oppure apprendere di piani militarizzati per la cattura e l'arresto in massa degli scafisti – definiti ultimamente addirittura schiavisti o venditori di carne umana, in modo da allargare la platea dei possibili responsabili – è tanto ridicolo quanto vergognoso. Ridicolo perché se è vero come ci viene detto, che alcuni milioni di persone sono in movimento per imbarcarsi e raggiungere l’Europa attraverso la porta aperta rappresentata dall’Italia, non si fermeranno certo per la mancanza di barconi. Vergognoso, perché per ventilare soluzioni come queste, è sufficiente raccogliere il primo pensiero che passa in testa ad un ubriaco, senza dover pagare milioni di euro governo e ministri in carica. Governi gli ultimi, che non perdono occasione per umiliare le nostre intelligenze e la nostra millenaria storia, fatta di cultura e civiltà.
E proprio guardando alla nostra Storia, che possiamo comprendere le difficoltà d’oggi e abbozzare un’idea valida per porvi rimedio…

L’Africa, continente immenso, possiede una popolazione proporzionalmente esigua al confronto di altre regioni del pianeta, e può contare su materie prime importanti, terra fertile da coltivare e condizioni climatiche varie (non tutte estreme o difficili). Viene quindi da chiedersi perché, questa gente scappi dalla propria terra e dalle proprie case per diventare “disperata” ai margini della nostra società.
Credo che occorra essere franchi sull'argomento: la politica coloniale italiana in Africa mirava a creare una possibilità di lavoro per gli italiani, mentre la politica coloniale dei nostri attuali partner europei e americani fu sempre e soltanto improntata al criminale furto delle materie prime e allo sfruttamento della mano d’opera. Nulla d’altro! Anche alcuni italiani si sono certamente comportati poco onorevolmente, hanno usato violenza e hanno fatto il loro comodo. Ma non fu mai, e ripeto mai l’obiettivo dell’Italia Nazione. Al contrario, come ho già scritto, i nostri civilissimi “amici” inglesi, francesi, belgi, olandesi, spagnoli e portoghesi, per non parlare degli americani, attuali “esportatori” di democrazia e altro ancora – su cui è meglio stendere più strati di pesanti veli pietosi – non hanno avuto e tutt’ora non hanno altro obiettivo ed interesse. E allora, se la nostra politica coloniale e soprattutto l’opera appena abbozzata dal Duca d’Aosta Amedeo di Savoia in Etiopia negli anni ’30, avesse potuto svilupparsi senza ostacoli, oggi, le fattorie italiane, le cittadine create nella sabbia della Cirenaica e della Tripolitania, le infrastrutture costruite ovunque, il miglior grado di igiene e salute dato dal funzionamento e dallo sviluppo dei nostri ospedali, la nostra cultura diffusa dalle scuole e dalle nostre sane tradizioni cristiane, sarebbero sicuramente diventate polo attrattivo per tutte le popolazioni dell’Africa. Altro che attraversare il Mediterraneo!

Va al Cavaliere Berlusconi, il merito di aver tentato pochi anni fa questo tipo di politica. Confesso che non capii al volo l’importanza a lungo periodo della sua visione globale del problema quando si accordò con il Colonnello Gheddafi. Purtroppo, come il Regno d’Italia tra le due guerre, rappresentava un pericolo agli “interessi mondiali”, la recente Italia di Berlusconi rappresentava lo stesso ostacolo. Dovrebbe essere chiaro a questo punto perché sia stato così avversato e abbattuto alla prima occasione. Berlusconi dopo Mattei. Cambiano solo i modi, …non gli obiettivi!
E l’obiettivo resta quello secolare di non avere intralcio alcuno al saccheggio delle materie prime, con l’aggravante odierna del commercio delle armi e la creazione del caos per avere infinite possibilità d’intervento militare sotto copertura ONU, per poter giustificare spese militari incredibili, a beneficio di faraonici interessi privati. Basti pensare che gli Stati Uniti d’America per l’anno in corso ha una previsione di spesa di 568 miliardi di dollari per la difesa. A termine di paragone, la pericolosissima e ostile Russia di Putin, nello stesso periodo non raggiunge la spesa 70 miliardi di dollari!!!

E allora si comprende bene perché invece di spendere una cifra per aiuti in aiuti in loco (come era stato progettato dal nostro ultimo governo liberamente eletto) si preferisce armare dei droni per il controllo delle coste libiche al costo di una cifra moltiplicata dieci e cento!
E chissenefrega se alla fine saranno i cittadini italiani (soprattutto italiani) e gli stessi disperati che giungono a noi a rimetterci.

Le parole di finta indignazione di queste settimane, proferite dai primi ministri di tutta Europa, e da tanti, tanti nullafacenti …non sono che folclore!

Alberto Conterio - 26.04.2015

lunedì 16 febbraio 2015