martedì 18 luglio 2017

Opinioni Monarchiche: Italia: la misura è colma

Opinioni Monarchiche: Italia: la misura è colma: Italia: la misura è colma Sondaggi truccati e tensioni sociali, analisi della politica possibile Fare l’analisi della situazione ...

Italia: la misura è colma



Italia: la misura è colma
Sondaggi truccati e tensioni sociali, analisi della politica possibile

Fare l’analisi della situazione politica interna italiana non è facile mai. Negli ultimi mesi però, il quadro generale si è parecchio semplificato. E’ diventato ormai evidente a tutti, che il Partito Democratico e in generale tutte le forze appartenenti all’establishment che detengono il potere e l'attuale status quo, abbiamo cominciato a comprendere - soprattutto dopo gli ultimi negativi risultati elettorali alle amministrative - che l'eventuale prossimo voto politico, varrebbe per loro la sicura estromissione dal governo del Paese. Così, in modo strisciante, tra una battuta ed un’altra, è cominciata un’opera di riposizionamento nella speranza di ingannare ancora una parte dell'elettorato. Questo aggiustamento, avviato dall’ex presidente Renzi, si basa per ora, sulla goffa mutuazione del programma politico della Lega di Salvini. Renzi, bugiardo seriale acclarato, è arrivato infatti ad affermare che gli immigrati devono essere aiutati a casa loro e che il nostro Paese non può farsi carico di tutte le persone che continuano a giungere dal mare. 


Ma non è tutto, infatti, all'interno della compagine governativa, i trattati europei ed in particolare il Fiscal Compact, sono ormai chiaramente criticati. Si pensi che, questo scellerato provvedimento, era stato presentato e voluto fermamente da questi stessi signori solo alcuni anni fa, come la panacea a tutti i nostri problemi, di debito pubblico, di bilancio e di economia.
E' chiaramente un atteggiamento grottesco, dettato dal panico: pare infatti che gli ultimi sondaggi siano per queste forze politiche particolarmente impietosi. I risultati, valuterebbero che la somma di tutte le forze europeiste, liberiste e mondialiste, da Sinistra italiana, al PD, passando per i vari detriti lasciati dalla “salita” in politica di Monti, per giungere ai prefissi telefonici di Casini e Alfano, e poi oltre ancora a comprendere addirittura Forza Italia, non sarebbero sufficienti a raggiungere la maggioranza in Parlamento.
Ma la situazione è ancora peggiore di quanto è fatta trapelare dai mas media di regime: pare infatti che i sondaggi, siano anche truccati. Nella realtà dei numeri, il Movimento 5 Stelle starebbe ben 5 punti percentuali davanti al PD, che viene valutato dagli stessi meno di quanto oggi gli è attribuito di facciata.
Stesso criterio "interpretativo" per quanto riguarda la Lega di Salvini e Forza Italia. Ufficialmente le due forze risulterebbero in parità, mentre la realtà, vedrebbe una sensibile differenza in favore della Lega Nord.
Alla luce di ciò, e ricordando quanto avevamo già scritto ad inizio anno, facendo una analisi del dopo voto al Referendum del 4 dicembre scorso, la suddivisione dell’arco politico in Italia, non vede più la diarchia destra/sinistra, ma conferma invece una suddivisione più trasversale al vecchio schema, tra chi è pro o contro la globalizzazione dell'economia. Ciò implica, che Berlusconi si colloca politicamente ormai più lontano dal duo Salvini - Meloni, che dal PD di Renzi.
Ciò vuol dire, che se si votasse a breve, l'unico governo che potrebbe avere la fiducia in Parlamento, dovrebbe o potrebbe essere formato soltanto dal M5S e i movimenti definiti sovranisti o nazionalisti: Lega Nord e Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni! Queste forze tra loro non sono certo omogenee e sovrapponibili, ma i loro programmi prevedono una serie di punti di contatto importanti, che agirebbero da catalizzatori per un governo a termine, di emergenza o di salvezza nazionale!
Berlusconi e Forza Italia secondo la nostra opinione hanno davvero esaurito ogni possibilità di poter dare un contributo positivo, soprattutto alla luce dell’ultima proposta: quale candidato unitario per il centro destra, l’anziano leader ha designato la persona di Sergio Marchionne.
Ma davvero Berlusconi crede che Marchionne possa salvare l’Italia?
Ricordiamo che l’Amministratore Delegato di Fiat Chrysler Automobiles, dopo aver usufruito di ingentissime somme di denaro prelevate ai contribuenti italiani, ha pensato vantaggioso per lui e per l’azienda privata che rappresenta e dirige, trasferire all’estero la sede, pagando le tasse in Olanda!
L'interessato peraltro, ha già risposto negativamente, mettendo fine alla barzelletta, ed in evidenza se ancore ve ne fosse bisogno, l'enorme distanza esistente ormai tra Berlusconi appunto, e il Paese reale oggi!
Seguendo l’analisi fin qui tracciata, è doveroso e necessario scrivere che il prossimo governo italiano (democraticamente eletto) sarà quindi sicuramente formato da forze avverse al sistema attuale. Potrà essere un governo di coalizione come scritto poc'anzi, oppure essere un governo tutto M5S operante con l'aiuto esterno di Lega e Fratelli d'Italia sui provvedimenti o le riforme ritenute indispensabili alla sopravvivenza della Nazione.
In ogni caso, se dovessero tenere fede al loro programma politico (in antitesi al sistema) avranno di fronte sfide ardue e durissime. Il loro avversario mortale, e le loro principali preoccupazioni, non verranno certo dal PD di Renzi, ma dall’intero establishment europeo e/o mondialista. Qualche avvisaglia di ciò si può cogliere quotidianamente dalle notizie che giungono dal Regno Unito. I tentativi, le minacce e intimidazioni quotidiane per far deragliare i propositi del governo di Teresa May che si muove legittimato da un regolare voto popolare, sono tanto evidenti quanto preoccupanti.
Preoccupanti perché, l’ipotesi che il prossimo governo italiano, forte del mandato popolare per spazzare via il liquame neo-liberista al comando, possa cadere nella tentazione di facilitarsi la permanenza a Palazzo Chigi, scendendo a patti, ammorbidendo le posizioni, o peggio proseguendo sul solco obbligato, tracciato da Bruxelles, potrebbe portare ad un pericoloso innalzamento delle tensione sociali.   
E qui è opportuno citare altri due sondaggi, che sono stati effettuati senza troppa pubblicità, uno a livello europeo ed uno in Italia. I risultati sono a dir poco scioccanti! Il primo, effettuato sui giovani di tutta Europa, stabilisce che oltre il 50% di essi non ritiene più la democrazia, il miglior sistema per risolvere i problemi sentiti dalla gente. Il secondo, ancora peggio, ha stabilito che in Italia il 70% degli intervistati auspica ed appoggerebbe un golpe militare che si riappropri della sovranità perdute, per traghettare l'Italia a nuove elezioni politiche. Insomma la misura è colma!
Per concludere, diventa chiaro che di fronte a questi scenari, il compito del prossimo governo Italiano, non solo è difficile, ma è anche obbligato. Se qualche cosa di poco chiaro, dovesse turbare il lavoro per il quale otterrà il mandato popolare, le elezioni che ci accingiamo a svolgere, potrebbero davvero essere le ultime.

18.07.2017 - Alberto Conterio

martedì 4 luglio 2017

Politica: il fallimento dei moderati



Politica: il fallimento dei moderati

La politica, quella vera, è sempre stata scontro di idee e di ideologie. Gli ultimi trent’anni di politica italiana, ma non solo italiana invece, sono improntati alla moderazione. I risultati sono sotto gli occhi di tutti: non si capisce più nulla, e in questo caos a perderci è lo sviluppo della Nazione e con esso il benessere dei cittadini.
Poteva dare fastidio negli anni ’60 e ’70, la conflittualità permanente tra destra e sinistra, dove per destra si intendevano i reduci e gli affiliati a ciò che restava della repubblica sociale e a sinistra, i comunisti veri, quelli senza compromessi. Alla luce di quanto succede oggi però, occorre dire con sincerità che si sente la nostalgia di quei tempi… come si sente la nostalgia e il bisogno fisico della nostra Monarchia Sabauda.


Oggi in piazza ad esempio, si manifesta trasversalmente ai partiti pro o contro l’immigrazione o pro e contro i diritti dei gay, pro o contro la famiglia. Ieri si manifestava in piazza - anche con scontri fisici e violenti - per ottenere una maggiore dignità sul lavoro, un migliore contratto dal punto di vista economico, l’estensione a fasce sempre più ampie della popolazione di diritti sociali cardini della nostra civiltà, come il diritto allo studio o alle prestazioni sanitarie gratuite. La moderazione diventata poco a poco, pensiero unico, è ormai utile soltanto ad addomesticare l’opinione pubblica, ad evitare gli scontri, cioè ad evitare che l’interesse dei più grandi e potenti, sia turbato.
Credo fermamente, che per tornare a parlare seriamente di programmi politici occorra tornare agli scontri in piazza, ai comizi con servizi d’ordine, alle assemblee urlate, dove tra gli oratori e la moltitudine del popolo, si sentiva forte la tensione, la rabbia anche. Occorre cioè tornare a quel sano scontro che alimenta le idee e accelera la necessità verso la soluzione dei problemi.
Poteva esserci intesa tra Almirante e Berlinguer? Sicuramente no, ma il rispetto tra avversari era una costante alla quale nessuno si sottraeva. Oggi purtroppo, proprio perché nessuno ha più rispetto del proprio avversario, ogni accordo è possibile, anche il più innaturale!
E quando la politica non ci parla più seguendo una linea di principio, ma segue uno dei tanti interessi, da perseguire al di sopra dei principi, “la politica” perde ogni valore e si trasforma soltanto in un metodo, un meccanismo che si autoalimenta di se stesso, nel silenzio assenso delle masse addomesticate, senza guida e senza principi.
Si dice che il ventesimo secolo sia stato il secolo delle ideologie totalitarie, alludendo ad un fatto estremamente negativo della storia umana. Si dimentica anche che è stato il secolo del più alto sviluppo della stessa umanità. Siamo passati da una alfabetizzazione elitaria, ad una alfabetizzazione per tutti, abbiamo visto introduzione di elettrodomestici nella vita quotidiana, siamo passati da una esistenza votata esclusivamente al lavoro per la sola sussistenza, ad una società che finalmente tornava ad avere tempo libero, così come abbiamo visto nel volgere di 25 anni, passare dai biplani di legno e tela ai bombardamenti nucleari di Hiroshima e Nagasaki. E’ nella natura dell’Uomo dare il meglio di se nello scontro, nella necessità primordiale della sopravvivenza. Quando per i più svariati motivi o intendimenti, ciò si assopisce, tutto si assopisce.
Per il bene di questo Paese quindi, dobbiamo fare lo sforzo di dire basta alle ammucchiate di idee, ai compromessi, alle grandi coalizioni, alla retorica degli accomodamenti. Dobbiamo tornare a farci dei nemici in nome di un principio che consideriamo sacro e necessario:  La parola “moderazione” non può più far parte del dizionario politico. L’etichetta di moderato, dovrebbe offendere il politico capace, come oggi può offendere il politico onesto l’etichetta di “ladro”!
Sentiamo la necessità di avere chiarezza nelle politiche, di chiamare le cose con il loro nome. Gli italiani sono stufi e disinteressati al discernimento e alla “corretta interpretazione” delle idee da parte degli intellettuali. Questi devono pensare a proporre le idee; all’interpretazione, vogliamo pensarci noi!
Ne siamo capaci e ne sentiamo la necessità.
Per concludere, ai “giocolieri” della politica, non chiedo di lavorare gratis, non chiedo di essere onesti, non chiedo di abbandonare i privilegi… chiedo invece con forza, di abbandonare i tatticismi, i compromessi, le mezze ragioni, la riduzione del danno. Agli “uomini” della politica insomma, chiedo la coerenza di portare avanti un’idea, un principio sopra agli altri, se necessario, contro gli altri: l’Italia innanzitutto!!!



03.07.2017 – Alberto Conterio