lunedì 6 febbraio 2012

Soldi e politica

Soldi e politica

Sarà un ladro il Senatore Lusi? Lasciamo il verdetto alla giustizia italiana come è opportuno fare in uno stato di diritto, dove fino ad avvenuta condanna, un uomo dovrebbe essere considerato innocente. È opportuno però spendere qualche parola, sul fiume di denaro in cui la politica italiana naviga da sempre, …ma oggi più che mai.


Del referendum che abrogava il finanziamento pubblico dei partiti, se ne ricorda ormai soltanto più Marco Pannella ed i suoi “compagni” del Partito Radicale, che continuano a denunciare da anni il sopruso compiuto nei confronti del popolo italiano. Di fatto, il Referendum vinto con maggioranza bulgara da chi desiderava abolire ogni finanziamento pubblico ai partiti, è stato quasi immediatamente aggirato nei suoi effetti, da un rimborso elettorale, che, stando alle ultime dichiarazioni e denuncie sui media in questi giorni, ammonta a circa 170 milioni di Euro suddivisi per le forze politiche beneficiarie, …all’anno…
Avete letto bene cari lettori, 170 milioni di Euro all’anno.
Ma c’è di più, questi soldini, sono distribuiti anche a quelle forze politiche che, nell’immaginario collettivo non dovrebbero più esistere, come la “Margherita”, partito “sospeso” ma non sciolto per confluire del PD ! E così si spiegano i bilanci paralleli di Luzi, che pur appartenendo al PD appunto risulta ancora in carica alla Margherita con funzioni di tesoriere! E il tesoriere in questione di tesori e bottini deve intendersene parecchio se, …pur “occultando” la somma di 13 milioni di Euro, il bilancio del partito fantasma, ha un attivo di oltre 20 milioni di Euro!
Ma con questi soldi, che cosa ci farà mai un partito “sospeso”? Mistero!
Pensiamo che alla Margherita, in dieci anni, sono giunti circa 200 milioni di Euro!
Si spiega in modo chiarissimo come mai sia impossibile per le forze politiche che non beneficiano di questi “rimborsi” mettersi opportunamente in vista o divulgare le proprie opinioni e proposte.
Con cifre come queste a disposizione Stella e Corona sarebbe capace di approderebbe in Parlamento alla prima occasione anche mutuando il “programma politico” di Scillipoti!
C’è da scommettere che nelle prossime settimane, vi sarà la solita crociata di perbenismo ipocrita contro questo stato di cose, contro il sistema malato, contro i soliti politici… ma nessuno se la prenderà mai più di tanto da rischiare di perdere i benefici acquisiti. Non succederà nulla, come al solito. La repubblica vince sempre, come il banco al casinò! Vedrete…

Alberto Conterio - 6 febbraio 2012

Nessun commento: