mercoledì 30 maggio 2018

Qualcosa di immensamente positivo ed attuale


Monarchica oggi
Qualcosa di immensamente positivo ed attuale

L’occasione del matrimonio di Harry e Meghan del 19 maggio scorso, ci fornisce una magnifica occasione per parlare non tanto di Monarchia, quanto piuttosto di monarchici.

Non c’è dubbio che in Italia sia assai difficile essere monarchici. Per tanti motivi, pregiudizi e incomprensioni. Ma contrariamente a quel che si può credere, il nemico principale del monarchico oggi, non è il regime repubblicano o le persone che si definiscono o si sentono repubblicane. Costoro sono per lo più persone inconsapevolmente repubblicane. Vivono la realtà che hanno sempre vissuto senza aver avuto notizia di una realtà alternativa. Sono persone che accettano ciò senza fiatare per ignoranza quindi, perché continuamente spinti avanti a suon di slogan come un gregge dalla propaganda. 


Il vero nemico del monarchico è stato, e sarà sempre il monarchico stesso, o meglio di colui che si definisce monarchico. Una persona che con le sue azioni, le sue parole ed il suo stile di vita, arriva a storicizzare il concetto stesso di Monarchia.
Lo si è visto mirabilmente impegnato nell’affossare ciò che restava dell’orgoglio monarchico nazionale alla recente traslazione delle salme dei nostri amati Sovrani a Vicoforte, Vittorio Emanuele III ed Elena di Savoia, per un giorno di notorietà.
Rppresentanti di una Monarchia legata alla commemorazione del passato, che si illudono, o cercano di illuderci di attualizzarla, presentando la Monarchia come ad un insieme di fatti, notizie e pettegolezzi appartenenti al gossip dei rotocalchi. Amano farsi fotografare con il pennacchio a pranzi, matrimoni e gran balli.

Ecco perché quest’ultimo matrimonio “Reale” è stato un’ottima occasione per smascherare ciò, perché ci ha parlato certamente di gossip, ha mostrato lustrini e cappellini, ha evidenziato una pletora di ipocriti a caccia della notorietà che un invito rappresentava, ma ha anche mostrato a tutto il mondo che la Monarchia, nei Paesi in cui è presente, è anche saldamente legata alle realtà popolari, operaie, contadine e piccolo borghesi.

Erano questi i veri monarchici d’Inghilterra, quelli seduti sui prati, quelli con il cestino da pic nic spalmati di crema solare per non bruciarsi al sole, in attesa di poter guardare per una manciata di secondi la nuova coppia principesca in transito sulla carrozza, nella speranza forse, di poter incrociare il loro sguardo per qualche istante! Sono costoro le fondamenta incrollabili della Monarchia britannica.
Una realtà che ogni giorno ramifica e si rafforza nei mercatini rionali, nelle scuole, nelle fabbriche, alla guida dei mezzi pubblici, negli uffici e negli ospedali.

Qualcosa di immensamente positivo ed attuale, tutto il contrario del popolo “monarchico” italiano, in costante calo numerico per infiniti motivi, ma anche e soprattutto a mio parere perché  partecipante al più a qualche salotto bene, ai caffè del centro, alle Sante Messe comandate o ai convegni. Tutte manifestazione, sempre più scelte non sulla base di una idea comune, ma sulla base ad una particolarità d’appartenenza a questo o a quel Principe, a questo o a quel gruppo o organizzazione.
È chiaro che presto verremo rinchiusi nei musei di sociologia, e neppure nelle sale principali, ma negli scaffali fuori visita.
Non andiamo da nessuna parte in questo modo, perché la gente in questo mondo che cambia ha comunque bisogno di punti di riferimento, e “per fortuna” non sa che farsene delle nostre beghe!

Alberto Conterio - 22.05.2018

Nessun commento: