giovedì 19 luglio 2018

Quando tacere sarebbe una concreta e apprezzata manifestazione di buon senso


Opposizione: persa anche la vergogna e la dignità
Quando tacere sarebbe una concreta e apprezzata manifestazione di buon senso

Desidero essere ironico su un argomento serio, anzi molto serio, cercando di renderVi partecipi della rabbia per provo quando ogni giorno siamo testimoni delle ingerenze, delle intimidazioni, delle minacce anche, degne della peggiore mafia nei confronti dell’azione del nuovo governo Conte.


Le innumerevoli voci che fin da subito hanno cominciato ad agitarsi contro Salvini o Di Maio, per contrastare i loro primi provvedimenti, mi infastidiscono quanto il latrare dei cani in una notte estiva, quando si cerca di estraniarsi dalla calura dell’ambiente e dai pensieri quotidiani per chiudere occhio e addormentarsi. Fastidiosissime queste “voci”, come le zanzare, vanno ben oltre la necessaria opposizione politica ad un governo. Siamo infatti abituati all’opposizione.
L’opposizione urlata della sinistra, delle piazze, dei sindacati, degli antagonisti, contro i governi conservatori e di destra, così come siamo abituati in questi ultimi anni all’opposizione sterile e ridicola di “personaggi” come Renato Brunetta o la “pitonessa” Daniela Santanchè, fatta di inutili appelli ad un “popolo” - che non conoscono - contro i governi  della finta sinistra che hanno svolto magnificamente i programmi del liberismo più frenato tanto amato dal primo Berlusconi del 1994.
Come ho scritto, questa opposizione però, va ben oltre. Normalmente le opposizioni possono contare su qualche organo di stampa. Alcuni giornali, qualche rete tivvù, qualche sito o blog in rete! Questa “opposizione” invece può contare su tutto. Giornali, periodici, tivvù, radio, internet, opinionisti, giornalisti, presidenti e lacchè delle maggiori organizzazioni, istituzioni o associazioni, …anche della Chiesa Cattolica. È un diluvio universale che si abbatte senza sosta ormai da oltre un mese contro “l’arca” del governo Conte.
Ha protestato sguaiatamente Boccia di Confindustria, è ha preso posizione il Comitato Episcopale italiano.
Continua a divertirci Boeri dell’Inps con la fiaba dei clandestini che pagano la pensioni agli italiani, così come Patuelli presidente dell’Associazione Bancaria italiana, che vorrebbe continuare a speculare in borsa indisturbato, garantito però dai soldi dei risparmiatori. Poi viene Saviano, da Nuova York e tutta una serie di “artisti” falliti… come l’ex Deputata e “Onorevole” Ilona Staller, in arte Cicciolina. Ricordate? Si pure Lei ha protestato contro il taglio dei vitalizi, al pari del Pd e di Forza Italia! 
Stamane però ho avuto la sorpresa di apprendere che anche Fabio Cairoli, presidente di Lottomatica Holding ha avuto da dire circa il divieto di pubblicizzare il gioco d’azzardo…
Desidero spiegarmi bene perché tutti possano comprendere il mio stato d’animo: costui, uno dei beneficiari del suo settore, al quale i governi Monti e Letta hanno condonato decine di miliardi di imposte da pagare, ha avuto il coraggio di asserire che Lottomatica ha bisogno della pubblicità per mantenere alti i suoi introiti. Posso immaginare che lavorando per una società, che fa dell’inganno e del furto di denari altrui la sua missione, non abbia mai avuto una dignità sua, ma in caso contrario è evidente che Cairoli, deve aver perso anche la vergogna e con essa la buona creanza di tacere.
Come ho detto in apertura, sdrammatizziamo concludendo con ironia: quando frequentavo le scuole elementari negli anni ’70 a Torino, era normale che i ragazzini durante le lezioni, ricevessero la visita di “delegazioni” di funzionari della San Paolo (istituti bancario torinese) che regalavano libretti di risparmio nominativi con un versamento iniziale di 1000 lire, per avviare gli stessi alla buona abitudine del risparmio; oggi, dobbiamo aspettarci che i nostri ragazzini ricevano prima o poi la visita di qualche galoppino di Lottomatica, per regalare schedine precompilate del superenalotto utili ad avviare questi poveri bambini sulla strada senza ritorno del gioco d’azzardo?
Vergognatevi, …ipocriti senza dignità, maledetti da Dio e dagli uomini!

Alberto Conterio  - 19.07.2018

Nessun commento: