martedì 28 maggio 2013

La presenza di Italia Reale - Stella e Corona nella competizione ha lasciato il segno



Elezioni Amministrative a Roma
La presenza di Italia Reale - Stella e Corona nella competizione ha lasciato il segno

28 maggio 2013

Avrei desiderato poter scrivere oggi, che il nostro caro amico Angelo Novellino era stato eletto Sindaco di Roma, ma sarebbe stata troppa grazia. Sorretti da questo sogno, tutti noi in fondo al nostro cuore, sapevamo che ci sarebbe voluto un “miracolo”, e non un miracolo normale, uno di quelli veri, che ti fanno sentire piccolo e impotente di fronte alla grandezza di Dio.
Detto questo, Angelo dovrà “accontentarsi” del titolo di Re di Roma. Se l’è meritato tutto, nonostante il risultato finale. Non desidero dimenticare o mancare di rispetto a tutto il gruppo (magnifico) che assieme ad Angelo, ci hanno tenuti con il fiato sospeso, e inorgogliti al raggiungimento della quota di firme necessarie alla presentazione della lista, e che si sono prodotti in manifesti, comizi in piazza, interviste filmate, passaggi televisivi, articoli e conferenze stampa. Un carosello entusiasmante, sicuramente impegnativo sotto ogni aspetto, che da oggi fornisce a tutti noi la legittimazione che ci mancava, un valore nuovo, in cui identificarsi e con cui essere identificati. 


Con questa presenza autonoma, fiera e orgogliosa, Italia Reale - Stella e Corona ha dimostrato con i fatti che l’ideale monarchico non ci sta ad essere collocato tra gli scaffali di un museo o di una biblioteca, ma si sente ben vivo e presente nella società. La Monarchia quindi grazie ad Italia Reale - Stella e Corona, non è solo storia, ma anche futuro, un futuro che possiamo ancora scrivere !
L’ideale monarchico - grazie a persone pulite, oneste e competenti che ci hanno messo la faccia senza nascondere il loro credo - è tornato a parlare alla gente, proponendosi quale alternativa “reale” al sistema fossilizzato della politica repubblicana, che dal 1946 avvelena la nostra Patria.
Italia Reale - Stella e Corona, si erge così, quale unica forza politica di contrasto al sistema, in opzione alle innumerevoli facce della stessa moneta, ormai logora in cui si identificano tutte le altre forze politiche, vecchie e nuove, nazionali e locali.
Questa non è retorica di circostanza: Italia Reale - Stella e Corona, ha proposto per Roma un programma essenziale fatto di logica e buon senso comune, in cui il risparmio si individua nel superfluo del sistema politico stesso, senza rinunce o limitazioni  della democrazia e non nel taglio dei servizi necessari ai cittadini, e in proposte valide e originali sui principali argomenti e problemi presenti in città. Proposte e idee che, siamone certi, non tarderanno d’essere riprese più avanti da altri gruppi politici. Occorrerà restare vigili in proposito e notificare alla stampa queste “appropriazioni”, perché l’azione politica intrapresa a Roma non deve e non può esaurirsi oggi.


Sul lato interno poi, questa partecipazione, è stata l’occasione per comprendere finalmente, che non esistono monarchici di seria A e monarchici di serie B come si voleva far credere fino a ieri e su cui si era soliti ricamare patenti e patentini di legittimità, titoli e quant’altro..
I monarchici in Italia, si identificheranno da oggi, in coloro che hanno appoggiato o non ostacolato l’avventura di Italia Reale - Stella e Corona alle elezioni Amministrative di Roma in nome dell’ideale che ci unisce tutti, al di la delle nostre simpatie personali e al di la delle nostre attività in favore della causa stessa, facendo fronte comune agli avversari di sempre, i repubblicani.
Di conseguenza, i repubblicani, si identificano senza ombra di dubbio, in tutti coloro che con le parole o i fatti, hanno contrastato la partecipazione di Italia Reale - Stella e Corona a questo appuntamento elettorale, preferendo accordare il loro voto ad un degli innumerevoli imbonitori dei soliti partiti al solo fine di favorire e perpetuare la repubblica ed il suo sistema di potere oligarchico.
Non si possono e non si dovranno più fare in futuro altri distinguo!

Per concludere, farò quindi soltanto un appunto, un breve post scriptum per coloro, che nella foga di volermi informare di questo magro risultato, hanno provveduto a telefonare presso la mia abitazione alle ore 03.25 di oggi, in piena notte sproloquiando volgarità verso la mia persona, o scrivendomi nel pomeriggio di oggi, delle mail piene di rancorose soddisfazioni, in cui si rimprovera ad Angelo Novellino e a Italia Reale, di aver fatto fare loro, brutta figura.
Ma loro chi… chi li conosce. Chi sono costoro che pretendono di portare avanti l’ideale monarchico con le minacce telefoniche, l’hakeraggio informatico, l’invio minatorio di volgarità postali o la presentazione (legittima per carità) a parenti e amici di batteria da cucina, e che negli ultimi venti o trent’anni hanno trasformato il nostro ideale in una figurina Liebig, da appendere sopra al comò o da scambiarsi tra collezionisti nelle fiere specializzate?

Meglio fermarsi qui senza eccedere o farsi prendere dalla foga. Grazie Angelo, non sono ancora riuscito a regolarizzare la mia iscrizione al neo partito, ma resta un mio ambito obiettivo: appartenere a ITALIA REALE!!!

Alberto Conterio
Italia Reale - Stella e Corona

Nessun commento: