Importanti riflessioni... sempre valide !

venerdì 15 gennaio 2021

Il doppio standard americano

Il doppio standard americano

La rivolta al Campidoglio distrugge l’immagine globale degli Stati Uniti

I disordini a Washington e l’assalto al Campidoglio da parte di centinaia di presunti  sostenitori del presidente Donald Trump conclusosi con quattro morti, 52 arrestati e 14 agenti di polizia feriti hanno scioccato il mondo?

In parte si, in parte no. C’è sicuramente una parte del mondo, seppur non abbia gioito platealmente, ha sicuramente provato una specie di rivincita morale, nel confronti del leviatano americano.

Non starò in questa sede a disquisire se ciò che è successo sia giusto o sbagliato, che sia stata una iniziativa popolare o guidata da una regia superiore, e neppure desidero individuare di chi sia effettivamente la responsabilità, ma una cosa è certa: quanto successo, ha sicuramente segnato la caduta del “faro della democrazia” almeno nell'immaginario collettivo dell'occidente e della bella retorica americana.

Dai satelliti dell’impero, almeno negli uomini che ne sono al comando, è giunto un’eco di delusione per quanto successo, senza però essere stati capaci di offrire una riflessione, o un'analisi critica al possibile contesto che possono aver portato alle scene a cui abbiamo assistito. Chiaramente fare un’analisi, avrebbe voluto dire per molti governi occidentali, fare di riflesso, un’autocritica agli ultimi trent’anni della loro politica interna ed internazionale, in quanto nulla di ciò che succede nel mondo occidentale, accade senza che vi sia da parte degli Stati Uniti d’America, un interesse.

Fuori da questo mondo “congelato”, fatto di rapporti mai bilaterali però, esiste la vita. Esiste cioè un mondo che procede da se, certamente tra alti e bassi e contraddizioni, ma procede e non possiamo nasconderci che si stia sviluppando nonostante le difficoltà delle sfide globali e le difficoltà create artificialmente proprio dagli Stati Uniti d'America: sanzioni, embarghi ecc. ecc.

Sugli avvenimenti americani, i commenti più sarcastici vengono naturalmente dalla Cina:  la “Waterloo dell’immagine internazionale degli Stati Uniti” hanno dichiarato! Che sia la sconfitta totale e definitiva, è però ancora presto per poterlo dire, certo è, che ciò ha fatto perdere agli Usa quella legittimità nell’interferire negli affari interni di altri Paesi, che con l'arroganza di chi pensa d'essere il più potente gli americani, hanno esercitato con la scusa di dover "esportare la democrazia”.

Comunque sia, il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Hua Chunying ha affermato che la Cina si augura che i nordamericani possano riconquistare presto pace, la stabilità e la sicurezza, esortando a riflettere sul motivo per cui alcune persone e media negli Stati Uniti hanno sempre dimostrato una diversa retorica ad esempio sulle turbolenze a Hong Kong nel 2019. “Quali parole hanno usato su Hong Kong? Oggi hanno parlato di “violenza”, di “teppismo”, di ”estremismo” , ma questi stessi organi, nel 2019, ci raccontarono con romanticismo di “combattenti della democrazia”.

Sono questi i due pesi e le due misure di chi, a prescindere da cosa succede in casa propria si arroga il diritto di cacciare il naso nelle case altrui, criticando, istigando, “consigliando”!

Doppio peso anche nel giudizio su quanto accade in rete, le difficoltà avute dai cibernauti cinesi in occasione delle turbolenze di Hong Kong del 2019, furono bollate come draconiana censura, oggi invece si applaude ai provvedimenti “protettivi” di Facebook e di Twitter, come se fosse tutto normale e logico.

Quando uno scenario simile al congresso americano si verificò nel LegCo di Hong Kong nel 2019, alcuni politici statunitensi come Pelosi, hanno elogiato i rivoltosi in città come “combattenti per la libertà” e Pelosi disse pure che le rivolte a Hong Kong erano “uno spettacolo bellissimo”.

Non dobbiamo quindi stupirci che oggi, siano i cinesi a far notare che, lo “spettacolo meraviglioso” del 6 gennaio, gli americani se lo siano un pochino meritato.

La morale del discorso insomma è che a furia di interferire negli affari delle altre nazioni sovrane con la scusa della libertà e della democrazia, negli Stati Uniti d’America queste parole hanno finito per perdere gran parte del loro valore e della loro importanza sull'altare degli interessi nazionali. Interessi americani naturalmente!

Insomma, “Chi di spada ferisce, di spada perisce” recita un conosciuto proverbio!

Lapidarie le parole di Muhamad Safa, diplomatico libanese e rappresentante permanente di questo Paese presso le Nazioni Unite. Commentando l’accaduto su Twitter, ha scritto: “Se gli Stati Uniti vedessero quello che fanno negli Stati Uniti, invaderebbero gli Stati Uniti per liberarli dalla tirannia degli Stati Uniti “.

Inutile dire che il Tweet ha avuto un successo incredibile totalizzando in poche ore più di 41800 “mi piace”, e tra i commenti, un utente brasiliano ha rincarato la dose scrivendo: “questo è il primo tentativo di colpo di Stato nel continente americano senza la partecipazione dell’ambasciata nordamericana”.

Sono affermazioni e commenti che la dicono lunga sulla credibilità di un Paese che di credibilità negli ultimi decenni ne ha dimostrata davvero poca, e che non aveva certo bisogno di questa figuraccia planetaria per apparire nel mondo per quello che è sempre stato… il bullo del quartiere!

 

Alberto Conterio - 15/01/2021

 

What do you want to do ?
New mail

Nessun commento: